Auto di ieri e di oggi - Forum Autoconfronti
Registrati GRATUITAMENTE su Autoconfronti per poter accedere a tutte le opzioni disponibili.

Nel sito troverai molte sezioni utili e potrai discutere attivamente con noi nella nostra grande community!


Auto di ieri e di oggi - Forum Autoconfronti

Il Forum del mondo Automobilistico!
 
IndiceIndice  AutoconfrontiAutoconfronti  CalendarioCalendario  EventiEventi  PubblicazioniPubblicazioni  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
TUTTE LE FOTO POSTATE SUL FORUM DEVONO OBBLIGATORIAMENTE AVERE LE TARGHE DELLE AUTOMOBILI ED I VOLTI COPERTI PER QUESTIONE DI PRIVACY, LA PUBBLICAZIONE DI TARGHE SCOPERTE E' RISERVATA ALLE MANIFESTAZIONI PUBBLICHE.LE VETTURE FOTOGRAFATE PER STRADA O IN SITUAZIONI OCCASIONALI VANNO TUTELATE CON LA TOTALE COPERTURA DELLE TARGHE, TUTTE LE FOTO CHE NON RISPETTANO TALE DIRETTIVA SARANNO RIMOSSE SENZA PREAVVISO.
AVVISO PER I NUOVI ISCRITTI SENZA MESSAGGI:PRESENTATEVI NELL'APPOSITA SEZIONE "PRESENTAZIONI" CLICCANDO SUL TASTO "NEW TOPIC" INSERENDO IL TITOLO ED UNA BREVE INTRODUZIONE PERSONALE.

SE AVETE PROBLEMI CON LA REGISTRAZIONE, IL LOGIN O ALTRO RIVOLGETEVI TRAMITE EMAIL AD UN MEMBRO DELLO STAFF ANDANDO SUL SUO PROFILO, SI AVVISANO GLI UTENTI CHE FARANNO DOMANDE NON INERENTI ALL'USO DEL FORUM CHE VERRANNO IMMEDIATAMENTE BANNATI.

SI AVVISANO TUTTI GLI UTENTI CHE L'USO DELLA CHATBOX E' CONSENTITO SOLO A USO RICREATIVO, TUTTI I CONTENUTI CHE RIGUARDANO ASPETTI TECNICI, PROBLEMI O ARGOMENTI CHE TRATTA IL FORUM SONO VIETATI.SE NON SI GENERANO ARGOMENTI NEI TOPIC IL FORUM RESTA INATTIVO, QUINDI L'ABUSO DELLA CHATBOX PER TALI QUESTIONI E' VIETATO.GLI UTENTI CHE NON RISPETTERANNO TALE DIRETTIVA SARANNO CONTATTATI DALLO STAFF E VERRANNO PRESI PROVVEDIMENTI IMMEDIATI.

Condividere | 
 

 Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Albe78
Veterano Qualificato
Veterano Qualificato


Messaggi : 2465
Data d'iscrizione : 03.07.10
Età : 39
Località : Pavia

MessaggioTitolo: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Dom Ott 10, 2010 12:19 pm

Alfa Romeo è stato tra gli ultimi marchi "premium" ad approcciare all'iniezione. A parte alcuni modelli “top”, ed esigenze in mercati specifici, ne fece un uso generalizzato solo a partire dalla fine degli anni '80, con quasi dieci anni di ritardo rispetto alle concorrenti dirette (leggasi BMW) che da quasi un decennio avevano già abbandonato il carburatore. Benchè profondamente legati “al carburatore”, in Alfa erano ben consci dei problemi di questa soluzione, soprattutto quando si andava alla ricerca dell'alimentazione singola su unità pluricilindriche, il che poneva non pochi problemi di messa a punto. Erano, poi, noti a tutti i limiti in tema di emissioni e consumi che, vista l'inutile complessità dei carburatori a controllo elettronico, premevano sulla più precisa alimentazione ad iniezione. Iniezione (meccanica) che i modelli di Arese venduti in USA utilizzavano già dai primissimi anni Settanta.

Il gap accumulato, da più parti visto come un segno di immobilismo tecnico da parte della Casa di Arese – afflitta da notissimi problemi di gestione – cela episodi di ben altro interesse. In realtà l'Alfa Romeo aveva in casa un attivissimo produttore di componenti elettromeccanici, la Spica, all'epoca suo fornitore dei sistemi di iniezione meccanica. E proprio con la Spica iniziò lo studio, a fine anni Sessanta, per un sistema di iniezione elettronica particolarmente efficiente. All'epoca anche la Bosch era agli albori con l'elettronica: la prima installazione su un'auto di serie era recentissima (1967) e la tecnologia era ancora “immatura”. L'iniezione elettronica Bosch di allora si basava su un “hardware” direttamente derivato dai sistemi di alimentazione dei motori a gasolio, e per questo sovradimensionato e relativamente lento, mentre la Spica aveva realizzato l'elettroiniettore più piccolo e veloce del mondo. La (sconsociuta) vivacità di Spica e Alfa Romeo portò al deposito di una serie di brevetti in merito e tutto faceva presagire un imminente esordio della “italian-way” all'iniezione elettronica di benzina, trovato in Siemens il partner ideale per l'ingegnerizzazione della gestione elettronica.

Purtroppo, come è noto, nelle aziende del gruppo IRI del tempo si viaggiava a due velocità: mentre i tecnici erano brillanti e spregiudicati nello sperimentare, il resto dell'apparato, ben poco “commerciale”, schiavo della politica e della burocrazia poneva dei freni incredibili all'innovazione. E l'enorme mole di studi e progetti tecnico-estetici che in quegli anni furono “abortiti” sul nascere, ne è la prova. Intanto il tempo passava inesorabile: l'Alfa si arenò sui suoi problemi di gestione e su una diatriba con i tecnici Siemens in merito all'uso di tecnologia analogica, che garantiva maggiore stabilità ai sistemi di gestione (metodo Siemens) o di tecnologia digitale, che permetteva maggior duttilità dei circuiti, che diventavano riprogrammabili (metodo Alfa Romeo), che è poi la via usata sui sistemi moderni. Alla fine il partner fu trovato in una azienda della cintura milanese, che produceva circuiti integrati: la SGS (oggi parte della ST-Microelectronics). Insomma, tutto era pronto, ma si era già nel 1976 e la “leggenda” narra che la Bosch – già fornitore di numerosi componenti per la Casa di Arese e ormai leader nel campo dell'alimentazione ad iniezione – a conoscenza di questo progetto che andava avanti da alcuni anni, esplicitò il suo parere negativo. L'ipotesi di una collisione negli interessi degli attori è più che plausibile: la cordata Spica-Alfa Romeo-Siemens-SGS sarebbe diventata per Bosch un concorrente temibile, soprattutto alla luce dei futuri affinamenti del sistema italo-tedesco. Dall'apertura dei tavoli, intanto, erano trascorsi quasi dieci anni, ma si continuava a studiare sul nuovo sistema sperando di convincere la dirigenza della bontà e vederlo prima o poi montato almeno su un modello della gamma Alfa.

Definita la parte dedicata all'alimentazione, l'uso di tecnologia digitale permise di estendere il controllo all'intera gestione del motore: con il non indifferente contributo del CNR iniziò la sperimentazione del sistema modulare, applicata al quattro cilindri due litri. Quando era richiesta poca potenza, la centralina di gestione tagliava l'alimentazione a due dei quattro cilindri, permettendo un miglioramento dell'efficienza. Il nuovo sistema di gestione integrato, denominato C.E.M (Controllo Elettronico Motore), era gestito da un unico “calcolatore”, fu montato su un lotto di dieci Alfetta in allestimento “Li America” e date in uso, nel 1981, ad altrettanti tassisti di Milano, tester d'eccezione per questa nuova tecnologia. Nel 1982 fu approntata anche una versione commerciale, basata sull'allestimento Alfetta 2.0 '82 e denominata Alfetta 2.0 CEM: era dotata di un pannello di controllo che permetteva di monitorare lo stato dell'impianto e l'eventuale avaria dei singoli circuiti di controllo, con la possibilità di escludere manualmente, a discrezione del conducente, il sistema modulare. Di questa particolare versione, tra il 1982 e il 1983, furono distribuite alcune centinaia di unità, sicuramente meno di mille, di cui ben poche sopravvissute.

Contemporaneamente, alla luce dell'introduzione del sistema modulare se ne studiava l'installazione sul motore V6 da due litri e mezzo, certamente più adatto ad una tecnologia del genere. I primi test furono svolti su un'unità aspirata di derivazione Gtv6: si compararono alle classiche testate emisferiche Alfa Romeo, nuove teste motore con camere di combustione Heron, si studiarono i rapporti di compressione più adatti e si cercò di ottimizzare la circolazione del fluido di raffreddamento per scongiurare il surriscaldamento localizzato e i fenomeni di detonazione. La modularità di funzionamento interessava le due bancate, delle quali una era trascinata ed entrava in funzione solo quando necessario. L'ottimizzazione giunse un paio d'anni dopo, con un'originale e definitiva modifica su un V6 2.5 di derivazione Alfa 90 Quadrifoglio Oro. La bancata di sinistra, sempre attiva, aveva un rapporto di compressione elevato (12:1) e metteva in movimento un piccolo turbocompressore che alimentava esclusivamente la bancata opposta, dotata di basso rapporto di compressione (8.3:1) che produceva lavoro solo quando necessario. Questa particolare unità dalla mezza sovralimentazione era dotata di altre peculiarità, come i corpi farfallati diversi (alimentazione singola sulla bancata sinistra e farfalla unica per quella opposta) gestiti da motorini passo-passo (praticamente un drive-by-wire con vent'anni di anticipo) per ottimizzare il funzionamento nel passaggio da tre a sei cilindri, che doveva avvenire gradualmente. La bancata sovralimentata, inoltre, non soffriva di alcun turbolag visto che la turbina era sempre in pressione, alimentata dai gas di scarico della parte opposta del motore. Con questo motore fu allestito un muletto su base Gtv6, che vantava una potenza di 192 CV a 5800 giri e una coppia di 26 kgm a 4500 giri. Pur con un'elettronica rudimentale – per i canoni moderni – con banchi di memoria da soli 8 kB, si riuscirono ad ottenere 32 cavalli in più e consumi ridotti del 34% rispetto al modello d'origine. Le potenzialità di tale tecnologia erano enormi: per semplice raffronto, nel 2003 l'ultima evoluzione industriale dello stesso propulsore due litri e mezzo, 24v, aspirato, ma con elettronica migliaia di volte più raffinata, vantava la stessa potenza a 6300 giri e una coppia inferiore con circa 23 kgm a 5000 giri.

Il ciclo di sperimentazione dell'iniezione made in Alfa si chiuse nel 1985 con l'entrata in produzione della “Alfa 90 2.0 V6 iniezione”, che abbandonò ogni velleità modulare, ma rinchiudeva in sé i migliori risultati di oltre quindici anni di studi: l'iniezione-accensione elettronica Spica-Alfa Romeo e l'alimentazione singola mediante sei corpi farfallati. Produrla fu una scelta assolutamente simbolica: da qualche anno la Casa di Arese si era “piegata” al mercato adottando l'iniezione Bosch – che ormai forniva sistemi particolarmente duttili - prima sul V6 e quindi, accoppiato al variatore di fase, sul quattro cilindri due litri dell'Alfetta Quadrifoglio (maturando, con il variatore di fase, un altro primato tecnologico).

In un lustro tutta la gamma Alfa Romeo sarà alimentata con sistemi di iniezione elettronica Bosch-Jetronic/Motronic e del sistema CEM restarono pochi – validi – concetti in seno alla Siemens Automotive, che li svilupperà autonomamente negli anni a venire. Ma questa è un'altra storia.

Autore: Salvatore Loiacono
Data: 21 febbraio 2010



Tratto da: http://www.omniauto.it/magazine/11104/quella-volta-che-lalfa-romeo-azzard-liniezione
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Fiat Uno - LUCA88SD
Master Administrator
Master Administrator
avatar

Messaggi : 26249
Data d'iscrizione : 15.02.10
Età : 29
Località : Siurgus Donigala (CA)

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Lun Ott 11, 2010 11:58 pm

Bellissima storia Albe che come al solito porta l'Italia prima a scoprire le cose poi a farcele dimenticare e credere che siano stati gli altri ad inventarle....bene anche quì siamo tornati al motore "modulare" davvero un sistema parecchio intelligente devo dire e utile.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.vivaigirau.altervista.org
Albe78
Veterano Qualificato
Veterano Qualificato


Messaggi : 2465
Data d'iscrizione : 03.07.10
Età : 39
Località : Pavia

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Mar Ott 12, 2010 9:51 pm

Come sempre l industria italiana non si smentisce mai.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Fiat Uno - LUCA88SD
Master Administrator
Master Administrator
avatar

Messaggi : 26249
Data d'iscrizione : 15.02.10
Età : 29
Località : Siurgus Donigala (CA)

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Mar Ott 12, 2010 11:51 pm

Esatto Albe, peccato però che l'Alfa abbia avuto quei ritardi descritti, ora capisco perchè si trovavano molte auto del biscione ancora a carburatore abbastanza recentemente
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.vivaigirau.altervista.org
Albe78
Veterano Qualificato
Veterano Qualificato


Messaggi : 2465
Data d'iscrizione : 03.07.10
Età : 39
Località : Pavia

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Mer Ott 13, 2010 8:47 pm

E si era un industria statale daltronde i soldi erano quelli che erano.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Fiat Uno - LUCA88SD
Master Administrator
Master Administrator
avatar

Messaggi : 26249
Data d'iscrizione : 15.02.10
Età : 29
Località : Siurgus Donigala (CA)

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Gio Ott 14, 2010 1:34 am

Infatti però nonostante tutto si è sempre contraddistinta raggruppando parecchi appassionati.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.vivaigirau.altervista.org
Albe78
Veterano Qualificato
Veterano Qualificato


Messaggi : 2465
Data d'iscrizione : 03.07.10
Età : 39
Località : Pavia

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Gio Ott 14, 2010 8:25 pm

Quello si ha fatto veramente tanto con il poco che avevano finche non è stata riassorbita da Fiat da li in poi sono Fiat pure le Alfa
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Fiat Uno - LUCA88SD
Master Administrator
Master Administrator
avatar

Messaggi : 26249
Data d'iscrizione : 15.02.10
Età : 29
Località : Siurgus Donigala (CA)

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Gio Ott 14, 2010 9:18 pm

si è vero Albe, in che anno è stata assorbita?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.vivaigirau.altervista.org
Albe78
Veterano Qualificato
Veterano Qualificato


Messaggi : 2465
Data d'iscrizione : 03.07.10
Età : 39
Località : Pavia

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Ven Ott 15, 2010 2:04 pm

Nel 1986.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Fiat Uno - LUCA88SD
Master Administrator
Master Administrator
avatar

Messaggi : 26249
Data d'iscrizione : 15.02.10
Età : 29
Località : Siurgus Donigala (CA)

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Lun Ott 18, 2010 1:58 pm

bè alla fine non è nemmeno troppo lontana allora.. anche la 33 era Alfa completamente vero? scratch
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.vivaigirau.altervista.org
Albe78
Veterano Qualificato
Veterano Qualificato


Messaggi : 2465
Data d'iscrizione : 03.07.10
Età : 39
Località : Pavia

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Lun Ott 18, 2010 8:33 pm

Solo le prime serie della 33 le altre erano fiat.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Zingaro
Meccanico del Forum
Meccanico del Forum
avatar

Messaggi : 3350
Data d'iscrizione : 18.06.11
Età : 56
Località : Torino

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Lun Giu 20, 2011 10:44 am

I primi esemplario della 164 erano un progetto ALfa, anche se venen commercializzata sotto l'egida della Fiat (ci ho lavorato sopra, lo so per certo)
Zingaro

_________________
Ladies and gentleman... START YOUR ENGINE

Evil or Very Mad Sono preoccupato, sapevo di questo fenomeno italiano della fuga dei cervelli all'estero, ma non avrei mai immaginato che i corpi rimanessero qui.....
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Fiat Uno - LUCA88SD
Master Administrator
Master Administrator
avatar

Messaggi : 26249
Data d'iscrizione : 15.02.10
Età : 29
Località : Siurgus Donigala (CA)

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Lun Giu 20, 2011 4:31 pm

dicci di più I love you

_________________


VI AUGURO 100 VOLTE QUELLO CHE VOI AUGURATE A ME!!  

LUCA88SD

VIVAI GIRAU VERDE MEDITERRANEO
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.vivaigirau.altervista.org
Zingaro
Meccanico del Forum
Meccanico del Forum
avatar

Messaggi : 3350
Data d'iscrizione : 18.06.11
Età : 56
Località : Torino

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Lun Giu 20, 2011 4:49 pm

Niente di che, quando la Fiat ha assorbito l'Alfa erano già pronte tutte le attrezzature di costruzione della 164. Si può riconoscere la vettura Alfa dalla vettura Fiat (le serie seguenti dalla bulloneria superiore a 8mm, l'Alfa usava un passo standard detto MA, la Fiat usa un passo più sottile.
Poi il resto è storia conosciuta, pian piano si è standardizzato secondo le normaticve Fiat e ciò che era Alfa è stato abbandonato.

_________________
Ladies and gentleman... START YOUR ENGINE

Evil or Very Mad Sono preoccupato, sapevo di questo fenomeno italiano della fuga dei cervelli all'estero, ma non avrei mai immaginato che i corpi rimanessero qui.....
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
ste75
Master Car-Audio
Master Car-Audio
avatar

Messaggi : 13236
Data d'iscrizione : 12.07.10
Età : 52
Località : volpago del montello ( TV)

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Lun Giu 20, 2011 5:02 pm

.....purtroppo e' cosi....la tradizione Alfa Romeo spari nel momento che Fiat la assorbi'....addio trazione posteriore, addio Alfa...... quanti Alfisti in quel periodo rimasero a bocca aperta....poi dopo, quando usci la 155.....beh, gli Alfisti cambiarono marca....

_________________
ho visto cose che voi umani non potete immaginare...  drunken

adapt or perish... Twisted Evil
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Fiat Uno - LUCA88SD
Master Administrator
Master Administrator
avatar

Messaggi : 26249
Data d'iscrizione : 15.02.10
Età : 29
Località : Siurgus Donigala (CA)

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Lun Giu 20, 2011 11:59 pm

la 155 è la prima a trazione anteriore dell'era FIAT?

_________________


VI AUGURO 100 VOLTE QUELLO CHE VOI AUGURATE A ME!!  

LUCA88SD

VIVAI GIRAU VERDE MEDITERRANEO
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.vivaigirau.altervista.org
Zingaro
Meccanico del Forum
Meccanico del Forum
avatar

Messaggi : 3350
Data d'iscrizione : 18.06.11
Età : 56
Località : Torino

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Mar Giu 21, 2011 12:34 am

Mi pare di ricordare che sia così, che la prima Alfa Lancia Industriale fosse la 155.
(Alfa nord, perché Alfasud era già a trazione anterirore)

_________________
Ladies and gentleman... START YOUR ENGINE

Evil or Very Mad Sono preoccupato, sapevo di questo fenomeno italiano della fuga dei cervelli all'estero, ma non avrei mai immaginato che i corpi rimanessero qui.....
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
ste75
Master Car-Audio
Master Car-Audio
avatar

Messaggi : 13236
Data d'iscrizione : 12.07.10
Età : 52
Località : volpago del montello ( TV)

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Mar Giu 21, 2011 11:39 am

...si, la 155 fu la prima Alfa con "origini" Fiat...... Alfasud e Alfa 33 erano le Alfa a trazione anteriore...

_________________
ho visto cose che voi umani non potete immaginare...  drunken

adapt or perish... Twisted Evil
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Fiat Uno - LUCA88SD
Master Administrator
Master Administrator
avatar

Messaggi : 26249
Data d'iscrizione : 15.02.10
Età : 29
Località : Siurgus Donigala (CA)

MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   Mar Giu 21, 2011 3:54 pm

ok perfect!!!! Cool

_________________


VI AUGURO 100 VOLTE QUELLO CHE VOI AUGURATE A ME!!  

LUCA88SD

VIVAI GIRAU VERDE MEDITERRANEO
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.vivaigirau.altervista.org
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.   

Tornare in alto Andare in basso
 
Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Quella volta che l'Alfa Romeo "azzardò" l'iniezione Quando la tecnica e la passione diventano storia.
» Dark & Manu : ALFA ROMEO GT 1300 Junior........LO SCALINO !
» Raduno Alfa Romeo CZ - vittore Maserati !!!
» Album fotografico di GIUKEBOX (modellini Alfa Romeo )
» Alessio Vs Alfa Romeo 146 TS '98!

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Auto di ieri e di oggi - Forum Autoconfronti :: La rubrica di AUTOCONFRONTI :: La Storia Delle Auto e le Nostre Storie-
Andare verso: